Il borgo

Fuori dalla cinta muraria a ovest del castrum si sviluppò nell’altomedioevo un borgo, distribuito su alcuni colli dove è ancora possibile notare i crolli degli edifici. La consistente presenza edilizia, obliterata dalla boscaglia, testimonia di un’area densamente popolata, al limite occidentale della quale venne eretta la chiesa di Santa Maria foris portas.
I confini del borgo sono ben evidenti nello schizzo topografico realizzato da M. Bertolone nel 1946-47 che lo suddivide in cinque zone entro le quali sono documentati irregolari cumuli di ruderi da rilevare e qualche struttura rilevata. Fino alla fine degli anni ’70 del secolo scorso nessuno si era più interessato ai resti del borgo, citato solo in qualche pagina in relazione a note d’archivio o a tentativi di ricostruzioni storiche (Sironi 1970, 1972). Dagli inizi degli anni ’80 in poi ricerche archeologiche e ricognizioni oltre ad indagare l’area della chiesa, hanno permesso di verificare alcune delle indicazioni di M. Bertolone. Negli anni ’90 nella zona 2 (schizzo di M. Bertolone 1946-47), ovvero nell’area a nord-ovest della piccola sella che divide il castrum dal suo retroterra, sono stati individuati e rilevati i resti di tre edifici.
Il primo e il secondo si collocano sul versante orientale della zona 2, il terzo nell’area degli uffici del parco contro lo spigolo sud-orientale della portineria e a ovest e a nord degli annessi di servizio.
Dell’edificio I si conserva l’angolo nord-est, per una lunghezza di 3,3 m il lato orientale e per circa 17 m quello settentrionale. I materiali da costruzione constano di lastre sbozzate di pietra poste ad incrocio per il cantone e di ciottoli di piccole e medie dimensioni disposti con andamento obliquo unicamente nella fondazione.
La seconda struttura (edificio II), di cui si è intercettato il tracciato per un ventina di metri, è posta 10 m a nord della prima. L’apparato murario è realizzato con ciottoli disposti in corsi a spina di pesce racchiusi tra corsi orizzontali misti a pietre spaccate.
L’edificio III è un’articolata struttura con muri di ciottoli ed elementi quadrangolari di pietra relativi probabilmente alla soglia del vano messo in luce. Sembrerebbero appartenere alla stessa struttura un piano di ciottoli spianati posto accanto alla parete nord degli annessi della portineria e un muro in mattoni foderati da lastre in pietra, emerso davanti al lato occidentale delle costruzioni moderne.

             
Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia Regione Lombardia Provincia di Varese Comune di Castelseprio Gornate Olona Comune di Morazzone
             
Ministero per i Beni
e le Attività Culturali
Soprintendenza Beni
Archeologici Lombardia
Regione
Lombardia
Provincia
di Varese
Comune di
Castelseprio
Comune di
Gornate Olona
Comune di
Morazzone