Le analisi degli scheletri

Il recente studio del materiale osteologico ha permesso di individuare nell'area cimiteriale di San Giovanni (scavo 2009) 26 individui di cui 7 di sesso maschile, 15 indeterminati, 4 soggetti infantili.

Nei resti ossei dell'area cimiteriale di San Giovanni è attestata una perforazione cranica su un individuo adulto di sesso maschile causata da un oggetto appuntito, probabilmente un chiodo.
Il dato è piuttosto inconsueto nel panorama europeo e potrebbe rappresentare l’esito di un trauma inflitto (omicidio), ad esempio, o la conseguenza di pratiche di tortura. Infine, ancora più inquietante, potrebbe essere connesso a pratiche apotropaiche, rituali o magiche per impedire allo spirito maligno del defunto di disturbare la comunità dei viventi.

 

Tombe 7 e 8 all'interno della torre
Perforazione localizzata sul parietale sinistro di un individuo adulto maschile
Particolare esterno della perforazione localizzata sul parietale sinistro di un
Particolare interno della perforazione localizzata sul parietale sinistro di un
Malformazione ossea
Loculo della tomba 23
Lastra sepolcrale della tomba 23
Tomba 22 dopo l'apertura
Tomba 22 prima dell'apertura
Zona B di scavo del cimitero
             
Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia Regione Lombardia Provincia di Varese Comune di Castelseprio Gornate Olona Comune di Morazzone
             
Ministero per i Beni
e le Attività Culturali
Soprintendenza Beni
Archeologici Lombardia
Regione
Lombardia
Provincia
di Varese
Comune di
Castelseprio
Comune di
Gornate Olona
Comune di
Morazzone